All Posts By

AIA CAN 5

La due giorni del raduno Play Off degli arbitri del futsal

By | News | No Comments

CRA Lombardia
Una prima volta storica: è quella rappresentata dal raduno playoff riservato ai migliori 25 arbitri dell’organico di calcio a 5 del Comitato Regionale Lombardia, che si è tenuto per due giorni, il 6 e 7 aprile, nella cornice dell’Antico Borgo La Muratella di Cologno al Serio. Storica, perché per la prima volta anche per gli arbitri del futsal viene organizzato un raduno su due giorni.
I lavori si aprono nel primo pomeriggio di sabato 6, con i test atletici, eseguiti sotto gli ordini dei Componenti CRA responsabili del calcio a 5, Alessandro Ferruccio Barbuto e Onofrio Murgida, assistiti dagli altri Organi Tecnici Claudio Somaschini, Enrico Mauri e Matteo Miragoli. La parte atletica è stata seguita dal preparatore atletico del CRA Lombardia, Eleonora Cappello, mentre peso e visus sono stati eseguiti dal dott. Marco Rovelli. Questi i test eseguiti: 4x10m, 30 metri e Ariet, con risultati ritenuti soddisfacenti dagli Organi Tecnici.
I lavori in aula prendono il via con la presentazione del calendario degli impegni playoff e play out di C1, C2 e D, ai quali si aggiungono le finali di Coppa Lombardia di C2 e D, tenuta da Murgida: un mese e mezzo davvero di fuoco, dove la concentrazione e la preparazione dovranno essere tenute al massimo, fino alla fine.
La prima parte di match analysis tenuta da Barbuto ha interessato casistiche sui blocchi e sulla personalità dell’arbitro, soffermandosi sull’incisività di richiami e provvedimenti adottati.
L’intervento del componente Gregorio Dall’Aglio invece ha voluto portare gli arbitri a sviluppare capacità di problem solving e di prevenzione delle situazioni limite.
Dopo la cena, un bel momento di confronto per i giovani convocati è stato quello con alcuni arbitri lombardi attualmente in organico alla CAN 5: Davide De Ninno, Marco Criscione, Dennis Prekaj e Alessio Briguglio, i quali hanno risposto alle tante curiosità raccontando anche la loro esperienza di arbitri che viaggiano in lungo e in largo per l’Italia, e che soprattutto hanno imparato l’aspetto della condivisione e della conoscenza dei colleghi. Match analysis anche con gli arbitri CAN 5, confrontandosi proprio su episodi tratti dalle loro gare.
Come si è chiusa la prima giornata, anche la seconda si apre respirando aria nazionale: in apertura di mattinata gradito ospite è stato Gianantonio Leonforte, Componente della CAN 5. “Quando si può parlare di tecnica per me è un giorno di festa” ha esordito Leonforte, suddividendo poi la sua lezione in due parti: la prima focalizzata sul come l’arbitro di calcio a cinque deve porsi con le diverse componenti della gara e rispetto alla gara stessa, la seconda invece match analysis di gare nazionali ed internazionali. A questa seconda giornata di lavori hanno preso parte anche i migliori cinque osservatori dell’organico regionale, che saranno designati a visionare gli arbitri impegnati nella fase finale dei Campionati.
Diversi i concetti toccati dal componente Leonforte: l’arbitraggio sotto pressione, l’attenzione al dettaglio, gli adempimenti pre-gara, i falli, le simulazioni. “In questa fase finale di Campionato, voglio dirvi una cosa” questo il congedo di Gianantonio Leonforte dal raduno lombardo, “La gara più bella che farete è quella che, sempre, dovrete ancora arbitrare”.
Il pomeriggio, dopo il pranzo e le foto di gruppo di rito, continua con degli sperimentali video quiz, fortemente voluti dalla commissione regionale, e con i quiz e la loro correzioni. A seguire le disposizioni degli organi tecnici Barbuto e Murgida per le gare playoff e playout.
A chiudere il raduno l’intervento del Presidente regionale Alessandro Pizzi: “Ragazzi, ogni Stagione è come una maratona. Ci vogliono testa e gambe per arrivare alla meta, e ci vogliono entrambe per raggiungere l’obbiettivo. Ci siete quasi: visualizzate il traguardo, e tagliatelo come si deve”.
Una due giorni altamente formativa e aggregativa per gli arbitri del calcio a cinque lombardo che alla crescita tecnica hanno potuto concretamente abbinare una crescita dei rapporti umani ed amicali tra di loro.

btrhdr

Visita del Responsabile della CAN 5 Angelo Montesardi

By | News | No Comments

Sezione di Policoro
Lo scorso 26 marzo una platea delle grandi occasioni ha accolto, presso i locali della Sezione di Policoro, il Responsabile della Commissione Arbitri Nazionale di Calcio a 5, Angelo Montesardi. Si è trattato della prima visita nella Sezione lucana di un Responsabile di una CAN dell’AIA.
Dopo il classico saluto iniziale da parte del Presidente di Sezione, Leonardo Di Nella, la parola è passata al Presidente del Comitato Regionale Arbitri della Basilicata, Enzo Gallipoli che, insieme al Vice Presidente, nonché Componente del calcio a 5, Teodosio Lacava, hanno dato il benvenuto in terra lucana all’illustre ospite.
Conclusi i saluti di rito, la serata è entrata nel vivo conangelo policorole parole di Montesardi, il quale, è partito dalle origini di ogni arbitro di calcio a 5. “Tutti noi del Futsal – ha detto Montesardi – abbiamo iniziato a muovere i primi passi nei campi di calcio, prima di calarci fisicamente e mentalmente nei palazzetti”.
“Passione, dedizione, preparazione – ha proseguito – sono elementi che accomunano tutti gli arbitri, al di là che ci si trovi nei campi di calcio o di futsal”.
Nell’evidenziare come sia cambiata nel corso degli anni la figura dell’arbitro di calcio a 5, Montesardi ha sottolineato i notevoli progressi raggiunti all’interno dei raduni della CAN 5, dove arrivano arbitri con una preparazione tecnico – atletica elevatissima, testimonianza della rivoluzione operata nel corso degli anni e dal preziosissimo contributo dei Comitati Regionali, in grado di formare con criterio gli arbitri.
Non sono poi mancati alcuni video, che hanno rimarcato l’importanza della concentrazione, della collaborazione di tutto il team arbitrale, della prevenzione da adottare affinché non si verifichino una serie di eventi e situazioni, che potrebbero sollecitare l’aspetto psico – fisico dell’arbitro, compromettendone l’intera prestazione.
Nel concludere il suo intervento, Angelo ha ribadito l’importanza del divertimento, elemento fondamentale per svolgere al meglio il proprio compito.
Prima di continuare la serata con il momento conviviale, il Componente della CAN 5 della Sezione di Matera, Salvatore Racano, ha voluto ringraziare Montesardi per aver fatto visita ad una Sezione lucana, riuscendo, dall’alto della sua competenza e professionalità, ad intrattenere e a suscitare la curiosità anche degli associati che non conoscono a pieno la disciplina del Futsal.

Il bellissimo mondo del futsal secondo Massini della CAN 5

By | News | No Comments

Sezione di Moliterno
In occasione della riunione tecnica del 15 marzo, la Sezione di Moliterno ha avuto il piacere di ospitare, in qualità di relatore, l’arbitro benemerito Francesco Massini, della Sezione di Roma 1, Componente della CAN 5. Il Presidente Cosimo Cirigliano ha presentato l’ospite atteso, come ogni anno, fin dal sorteggio come da programma nazionale dell’AIA, nell’ammassinibito della serie di visite di arbitri e organi tecnici nazionali nelle sezioni. Ripercorrendo la brillante carriera nazionale ed internazionale di Massini, attraverso un video di presentazione e ricordando le finali da lui arbitrate, si è prospettato ai giovani arbitri una serata di cui far tesoro, visto il bagaglio di esperienze che l’ospite metteva a disposizione.
Francesco Massini ha introdotto gli arbitri presenti nell’universo del “futsal”, ma soprattutto dell’arbitraggio in generale richiamando l’attenzione sulle analogie nella preparazione delle gare in entrambe le discipline, parlando dei vari aspetti da curare: dalla preparazione atletica (resistenza alla velocità e scatto) e tecnica (tempestività delle decisioni) all’autocontrollo sviluppato dalla preparazione psicologica (elevata e costante soglia d’attenzione) al controllo costante di tutte le componenti coinvolte. “Il bravo arbitro è colui che è in grado di proteggere i calciatori, il gioco e se stesso”, questo il credo arbitrale di Francesco Massini.
Francesco ha saputo mantenere alto l’interesse della platea, sia per quanto riguarda gli esperti del settore, sia per gli tutti associati presenti ancora non a conoscenza di questo particolare mondo.

Futsal, lezione con Racano della CAN 5 e l’internazionale Pezzuto

By | News | No Comments

Sezione di Taranto
Lo scorso 28 marzo, nei locali della Sezione di Taranto, si è svolta la riunione tecnica con due ospiti illustri del futsal, il Componente della Commissione Arbitri Nazionale per il Calcio a 5 Salvatore Racano, della Sezione di Matera, e l’arbitro internazionale Dario Pezzuto della Sezione di Lecce.
A fare gli onori di casa è stato il Presidente sezionale Giovanni Di Leo che, dopo aver presentato i due illustri colleghi, ha ringraziato gli ospiti che hanno partecipato a questa riunione, tra cui il Componente del Comitato Regionale Arbitri Puglia Gianluca Palazzo, il Presidente della Sezione di Barletta Savino Filannino ed alcuni arbitri pugliesi del calcio a 5.
A prendere la parola per primo èfooter3_16215stato proprio Salvatore Racano, grande conoscitore della disciplina che, avvalendosi di un supporto visivo, ha mostrato le attività della CAN 5. Tanto lavoro e tanta passione che stanno dando soddisfazioni a tutta la Commissione capitanata da Angelo Montesardi.
“Piena conoscenza del regolamento, preparazione atletica, personalità e autorevolezza sono i requisiti fondamentali per essere un ottimo arbitro. Solo con allenamento, studio, una costante concentrazione e una buona personalità si possono raggiungere i più alti traguardi nel calcio a 5 – ha aggiunto Racano – ma anche nelle attività di tutti i giorni”.
Dopo il suo intervento ha preso la parola l’arbitro internazionale Dario Pezzuto, fresco della sua ottima prestazione nella finale di Final Eight disputatasi pochi giorni fa.
Il suo intervento è stato incentrato su tutte le fasi di una gara a partire dal momento della designazione, fino alla conclusione della stessa. Ha fortemente rimarcato l’importanza della concentrazione per iniziare al meglio una partita, per poter prendere in maniera ottimale le varie decisioni tecniche facendo tesoro delle esperienze accumulate negli anni, così da non ripetere gli errori commessi. E’ stata molto interessante e formativa la riproposizione del colloquio di fine gara tra l’Organo Tecnico Racano e l’arbitro Pezzuto al termine della recente finale.
In tutti e due gli interventi gli ospiti hanno rimarcato che l’arbitraggio rimane comunque un hobby, una passione da coltivare, con impegno e costanza, ma pur sempre una passione. Invitando i colleghi quindi a divertirsi… seriamente.
Interessante incontro condotto magistralmente da due preparatissimi ospiti, riunione che resterà ben impressa nella mente degli associati tarantini ed in particolare dei neo immessi, che stanno pian piano scoprendo di quanta passione e professionalità ci siano nell’Associazione, messe a loro disposizione per la crescita arbitrale e di vita.

Di Resta: “Il calcio a 5 offre tante opportunità”

By | News | No Comments

Sezione di Civitavecchia
Calcio a 5 protagonista nella riunione tenuta da Daniele Di Resta, arbitro in forza alla Commissione Arbitri Nazionale per il Calcio a 5. “Non è assolutamente uno sport minore – ha esordito – ma è una disciplina che dà tanti stimoli e che offre tante opportunità. Sono entrato nell’AIA tardi, a 26 anni, ma questo non mi ha impedito di togliermi tante soddisfazioni e di arrivare ad essere un arbitro internazionale”. Daniele Di Resta si è soffermato sulle caratteristiche indispensabili per essere un arbitro: passione, sacrificio, sicurezza e rispetto. “Amare quello che si fa è fondamentale, anche perché senza la passione nello sport, come nel lavoro e nella vita non si va lontano. Un buon arbitro deve anche fare dei sacrifici che passano dall’allenamento, da una sana alimentazione e da dolorose ma necessarie rinunce soprattutto quando si è giovani. Altro elemento cardine è la sicurezza – ha aggiunto Di Resta – che passa attraverso la conoscenza deldi restaregolamento che ci porta ad avere una maggiore consapevolezza dei nostri mezzi. Ultimo ma non meno importante è il rispetto che si deve ai giocatori, ai dirigenti, ai colleghi e agli osservatori”. Nel corso della riunione Daniele Di Resta ha ribadito l’importanza di un uso corretto dei social network e della frequentazione della sezione. Spazio come sempre alla parte tecnica con la visione di una serie di filmati con situazioni di gioco di partite dirette proprio da Di Resta. Il dibattito ha visto protagonisti soprattutto i giovani arbitri del calcio che hanno avuto modo di apprendere le regole principali del Calcio a 5, e di avvicinarsi così a questa disciplina che riveste un ruolo molto importante all’interno della sezione di Civitavecchia, che vanta arbitri e osservatori in organico alle commissioni nazionali, tra questi Valerio Milani che quest’anno collabora in maniera attiva alla formazione e alla crescita dei giovani arbitri a disposizione dell’Organo Tecnico Sezionale. A seguire con attenzione le parole di Di Resta anche il componente del Settore Tecnico Arbitrale e responsabile del progetto mentor/talent per il Calcio a 5 nel Lazio Mario Filippini, insieme ai talent regionali tra cui la “padrona di casa” Maura Bruschi. Filippini ha raccontato dell’esperienza del raduno nazionale dei talent di Coverciano, sottolineando l’importanza di questo percorso per la crescita degli arbitri, ed ha illustrato il progetto pilota, partito proprio nel Lazio, per l’autovalutazione della gara da parte degli stessi arbitri. Il Presidente GianLuca Ventolini in chiusura ha ringraziato gli illustri ospiti presenti per la loro disponibilità e per aver dedicato alla sezione una riunione di elevato spessore tecnico e associativo.

Riunioni, allenamenti e tanti ospiti per il Milan Futsal Day

By | News | No Comments

Sezione di Milano
Weekend dal sapore del parquet per la Sezione di Milano. Due giorni dedicati al Futsal. Iniziati la sera del 22 con la riunione plenaria avente un illustre ospite come Angelo Montesardi, Responsabile della CAN 5. Durante la riunione Montesardi ha avuto modo di mostrare a tutti gli associati presenti come è strutturato all’interno dell’AIA il Futsal.
Oltre ad aver mostrato la struttura, Angelo si è focalizzato sull’importanza che sta acquisendo il Futsal e su quanto le società e gli sponsor ci stiano investendo, illustrando quindi le peculiarità della disciplina. Il punto fondamentale su cui si è improntato il discorso di Montesardi è stato quello di specificare attentamente che l’arbitro di calcio a 5 deve avere essenzialmente le stesse competenze di un arbitro di calcio a 11 basate su personalità, competenze tecniche, allenamento e collaborazione in squadra. Durante la serata sono stati discussi anche alcuni episodi di gara per poter esprimere al meglio quanto detto a voce. futsal day
La seconda giornata, giorno dello svolgimento del Milan Futsal Day, si è svolta nella sede di Cernusco sul Naviglio. A differenza della riunione nella Sezione di Milano della sera precedente, che era comunque aperta ad associati, la partecipazione degli arbitri e osservatori è stata invece ben distribuita tra le varie Sezioni lombarde.
La giornata aveva un programma molto ricco, con ospiti di eccezione. Dopo una piccola introduzione da parte del presidente della Sezione di Milano, Pietro Lattanzi e dell’organo tecnico e ideatore dell’evento, Alfonso Fabrizio, hanno aperto le danze con il loro saluto sia il componente del Comitato Nazionale dell’AIA Alberto Zaroli sia il presidente del Comitato Regionale Arbitri della Lombardia Alessandro Pizzi.
Successivamente, lo stesso Angelo Montesardi ha tenuto la prima lezione in mattinata sulle peculiarità che contraddistinguono un arbitro Futsal, ampliando quanto aveva detto nella riunione della sera precedente e valorizzando la figura di questo arbitro. Durante il suo intervento, è intervenuto anche Gianantonio Leonforte componente nazionale della Can 5, arricchendolo con la disposizione del settore tecnico.
A seguire, il secondo intervento della giornata è stato condotto da Domenico Guida, altro ospite di altissimo livello che ha voluto dedicare un po’ del suo tempo per spiegare agli arbitri regionali ad andare oltre l’area di azione e di focalizzare la propria attenzione nella zona di campo che in realtà richiede la priorità. Dopo questi due interessanti interventi c’è stato modo durante il pranzo di poter, come avviene spesso durante i raduni, di confrontarsi con colleghi di altre sezioni e organici tecnici e di discutere di situazioni di giuoco ed episodi di gara. È stato anche il momento dei saluti e dei ringraziamenti alla Can 5 e al Settore Tecnico per il tempo dedicato.
Per non far mancare niente, successivamente al pranzo c’è stata invece la sessione di allenamento tenuta dalla referente atletica del CRA Eleonora Cappello. È stato un momento molto utile perché finalizzato su esercizi fisici specifici per il futsal. Nella parte conclusiva della giornata l’organo tecnico Alessandro Barbuto è intervenuto su un argomento a volte molto ostico per gli arbitri: la gestione delle riprese di giuoco. Anche questo intervento, è stato estremamente formativo, soprattutto pensando ad una uniformità sui comportamenti e sulle disposizioni date durante la stagione agli arbitri.
L’ultimo intervento prima della chiusura è stato tenuto dall’assessore allo sport di Cernusco sul naviglio, la dottoressa Grazia Maria Vanni, esponendo un interessante confronto sulla tipologia di allenamento di uno sportivo, ad esempio di atletica, rispetto a quello di un arbitro. La giornata si è conclusa con i ringraziamenti del sindaco di Cernusco sul naviglio e i ringraziamenti a chi ha voluto dedicare questo tempo per gli arbitri e osservatori presenti. La Sezione di Milano si ritiene estremamente soddisfatta del risultato dell’evento, ringraziando ancora una volta i partecipanti.